da Cpo a Sevilla (passando per Copenhagen)

by

Inauguriamo con Daniele lo spazio dedicato ai laureati Cpo, alle loro esperienze e alla strada che faranno nel mondo.

Mi chiamo Daniele Montemale, ho 24 anni e sono di Roma. Da poco più di un mese mi sono laureato al Cpo e in questo momento mi trovo all’aeroporto di Fiumicino. Sto per andare a vivere a Sevilla.. Tutto quello che mi è successo negli ultimi due anni lo rifarei ad occhi chiusi.
Ma partiamo con ordine.

Nel febbraio 2006 mi sono laureato in Scienze della comunicazione a Roma; a marzo mi sono trasferito a Pesaro dove avevo già una camera trovata in una trasferta di due giorni fatta a Gennaio. Camera pagata 260 euro al mese.. Pensavo fosse un affare ma mi sbagliavo.. a Roma i prezzi sono veramente esagerati in confronto con quelli di Pesaro.

Fin dai primi giorni il modo e la capacità di lezione sviluppata al CPO e in generale all’università di Urbino mi hanno colpito. Essere in una classe con trenta persone rispetto a 600 (la facoltà di Scienze della Comunicazione alla “Sapienza” è la più popolosa al mondo: 13500 studenti per 110 professori..) o interagire con i professori in un rapporto one to one, ha sicuramente giovato alla qualità dello studio.

Passare invece da una città di quattro milioni di persone ad una con qualche decina di migliaia ha avuto i suoi pro ma anche i suoi tanti contro. La bella stagione però non si è fatta attendere. Avere per facoltà un ex stabilimento balneare ed essere nelle vicinanze di Rimini e Riccione, hanno reso il mio soggiorno e quello dei miei colleghi veramente piacevole.

Mentre la stagione si faceva bella e gli esami stavano per arrivare, arrivò anche la grandiosa notizia di essere uno dei vincitori della borsa di studio Erasmus per Copenhagen. Allora non sapevo che un esperienza Erasmus ti cambia la vita facendotela vedere con occhi diversi, anche nel mondo lavorativo..

Negli ultimi giorni di luglio 2006 sono partito per Aarhus, seconda città danese e da lì sono poi arrivato ad Horsens per fare uno studio di lingua danese per tre settimane. Questo corso è una borsa di studio organizzata dall’UE che, non solo vi permette di studiare una lingua gratuitamente ma, in alcuni casi, è anche una borsa remunerativa (la mia era di 500 euro..). In queste tre settimana ho conosciuto anche alcuni dei miei migliori amici del mio soggiorno danese.

A fine settembre arrivo a Copenhagen dove con qualche difficoltà trovo casa. I corsi sarebbero iniziati a breve. Nel frattempo il mio inglese si perfezionava. Corsi in inglese e amicizie provenienti da ogni parte del globo hanno sviluppato e accresciuto la mia conoscenza della lingua, fondamentale per vivere oggi nel mondo. Nell’Ottobre 2006 ho poi trovato uno stage lavorativo a Goviral***, un’agenzia leader in Europa nel viral marketing. Questa esperienza, prolungata poi per un anno, ha di fatto costruito la mia esperienza lavorativa e mi ha incalanato in un settore nuovissimo, specie in Italia, dove tutto è ancora da scoprire e da costruire e con moltissimi sbocchi lavorativi.

Lavorare nel viral marketing mi ha permesso di conoscere un nuovo modo di lavorare. Per quel che mi riguarda significava anche gestirsi il proprio tempo. Si hanno delle deadline e ci si gestisce il tempo. Lavorando, volendo, anche da casa… Ciò significa che mi facevo la mia bellissima esperienza Erasmus con feste e divertimento full optional senza dimenticare lo studio ed i viaggi..

Il mio anno Erasmus è fondamentalmente volato ma mi ha caricato di una spinta emotiva su ogni campo. Dalla visione del mondo, al rapporto con le persone e le altre culture, alla professionalità lavorativa. Per quest’ultimo punto sono sicuro che uno studente, per maturare questa professionalità, debba necessariamente fare un’esperienza all’estero. E questo non solo gli studenti italiani, che spesso pensano all’estero solo come uno sbocco per scappare da un paese in stallo, ma anche per studenti di tutto il mondo. Per farvi un esempio, la maggior parte dei miei amici stranieri di 23 anni avevano già vissuto almeno in un altro paese..

Nel luglio 2007 sono tornato in Italia. Dopo una breve vacanza nel sud Italia ho terminato tutti gli esami a Settembre e sono poi partito a scrivere la mia tesi che già da circa un anno progettavo insieme al professor Giovanni Boccia Artieri.

La tesi si intitola “La rete virale: Viral marketing, buzz e word of mouth. Prospettive del social advertisement” ed è uno studio approfondito sul marketing non convenzionale e sulle sue potenzialità quantitative ma soprattutto qualitative. Perchè la comunicazione oggi è sinonimo di relazione..

Con questa tesi mi sono laureato con il massimo dei voti lo scorso febbraio. Nel frattempo ho lasciato Goviral e mi sono messo in proprio come Viralavatar (il nome viene dal mio blog). Sto iniziando ad avere i primi clienti nazionali ed internazionali. Sto aprendo, inoltre, una società di social media 2.0 con altre persone esperte nel settore: Socialware.

Torniamo da dove ero partito. Dall’aeroporto di Fiumicino. Bè allora perchè sono qui? Perchè posso vivere ovunque. E quindi me ne vado a Sevilla dove fra qualche giorno c’è la feria e poi Marocco e Portogallo. E poi ci sono due sevillani amici conosciuti durante l’Erasmus.
Mi basta il mio portatile (ma presto neanche quello quando il cloud computing sarà una realtà…) e una connessione wireless (aspettando il wi-max) e sono praticamente ovunque..
..ma tutto ciò lo faccio perchè quello che mi interessa veramente è semplicemente esplorare il mondo.

Daniele Montemale aka Viralavatar

Annunci

3 Risposte to “da Cpo a Sevilla (passando per Copenhagen)”

  1. silvia Says:

    questa descrizione della tua esperienza lavorativa ma soprattutto di vita mi ha lasciato davv affascinata…credo ke il primo passo cioè dell’ essere passati da una grande città, nel mio caso napoli, ad una + piccola ci accomuna.forse questo mi è servito x mettere solo + a fuoco i miei obiettivi.
    l’erasmus si era una tappa ke avrei voluto fare,forse sarebbe stato meglio alla triennale…ma son sicura ke l’esperienza all’estero nn me la farò scappare. a volte è sconcertante sentirsi piccoli come delle formiche e avere a ke fare con persone ke rispetto a te hanno gia girato x diversi paesi.ma nn conta gia il solo fatto di entrare a far parte di altre realtà ci puo arricchire.anke io mi sento ke cn il mio computer e cn l ambito lavorativo ke mi interessa posso andare ovunque e parlare cn chiunque, ma anke adesso stando seduta nella mia stanzetta di pesaro…in bocca al lupo x tutto!!!e VIVAAAA I RAGA DEL CPO!!

  2. viralavatar Says:

    Ciao Silvia, ti ringrazio molto per la tua risposta. Al momento mi trovo a Sevilla dove lavoro e mi godo la città.. fidati, l’esperienza all’estero è fondamentale! Per te e per il tuo futuro..

    Daniele Montemale

  3. Chiara Setti Says:

    Ciao Daniele…è stato molto bello leggere il tuo post perchè mi hai fatto un po’ rivivere le mie esperienze (abbastanza lunghe) all’estero…Germania, poi Stati Uniti e infine Spagna…so che a Sevilla, e in generale in Spagna, le opportunità lavorative sono molto migliori di quelle che ci si prospettano qui in Italia e ti auguro il meglio…Divertiti e goditi questo Paese che a me è rimasto nel cuore….In bocca al lupo!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: