Archive for giugno 2009

Cannes 2009. Le conclusioni.

giugno 29, 2009

Immag2152

Immag2177

Immag2164

Ho vissuto 8 giorni molto intensi. Trascorsi uno di seguito all’altro. Senza sosta. Giorni durante i quali ho capito quanto vasto sia il mondo della comunicazione e della pubblicità.

Figure professionali d’ogni tipo, provenienti dai 5 continenti si sono riversate quotidianamente all’interno del palais del Festival.

Con una metafora un po’ azzardata sembrava di ritrovarsi in Africa, vicino ad uno di quegli specchi d’acqua frequentati da tutti gli animali della savana. Leoni, certo, ma anche giraffe, ippopotami, ghepardi, antilopi e fenicotteri. Ognuno diverso dall’altro. Tutti, però, facenti parte di questo strano, affascinante ed eterogeneo mondo che è la comunicazione.

Tra mercì, pardon e caffè a 2 euro sono scorsi davvero veloci questi giorni sulla croisette. Ma hanno lasciato il segno. Dentro me e Antonio ma anche nella totalità dei partecipanti.

Le vittorie della campagna di Obama sia nella sezione Titanium che quella Integrated fanno pensare a come e quanto siano mutati i tempi. “Una vittoria destinata a cambiare per sempre la categoria” ha detto il presentatore degli  Award.” Una vittoria che è frutto di un progetto, di una visone che ha cambiato per sempre la Storia”, mi permetto di aggiungere io.

Volkswagen, Advertiser dell’anno.  Premio ben meritato, per la qualità delle campagne proposte.

La classifica delle agenzie dell’anno, invece, si tinge dei colori verde-oro brasiliani.

Dei primi tre classificati due provengono infatti dal paese della samba.

Categoria Film. Una delle più attese del Festival. Il Grand Prix se lo aggiudica la TRIBAL DDB AMSTERDAM con “Carousel”,  cliente Philips per il superbo uso della computer grafica applicata al cinema.

Bicchieri e biglietti da visita, dicono del festival i suoi più assidui frequentatori. Conoscenza ed opportunità dico io. Opportunità di vedere e toccare con mano un ambiente che, forse per la lontananza geografica del nostro corso dalle grandi capitali della comunicazione italiana, non ci è per nulla familiare. Ma che dovrebbe esserlo.

Ma non esistono solo le agenzie più grandi. Quelle che hanno la possibilità di ingaggiare le migliori case di produzioni mondiali, quelle che hanno i budget, i numeri e i premi.

C’è tutto un mondo fatto di professionisti della comunicazione “non convenzionale”, di chi riesce con budget minori, a raggiungere ottimi risultati.  Parlo di persone attente all’evoluzione della comunicazione “bottom up” , attente e addestrate all’uso dei nuovi media e dei linguaggi propri di questi ultimi.

La duplice vittoria della campagna di Obama, così ostentatamente “dal basso” deve far riflettere il mondo della comunicazione. Specie se la s’inserisce nel contesto di Cannes, fatto per l’appunto di agenzie globali e miliardarie.

Che i tempi siano cambiati è vero e anche giusto. Che la professione del pubblicitario quindi stia per scomparire, come sostiene qualcuno, invece non lo è, anzi.

L’eccellenza dei lavori che ho potuto vedere, che quasi trasudava dai manifesti, dagli spot radio e dai film esposti nei corridoi dei palais è innegabile.

La qualità del lavoro va preservata e solo i pubblicitari di professione possono fare questo. Tendo conto che oggi i consumatori, hanno la vera ultima parola (basti pensare al mercato UGC).

In conclusione posso parlare di un’esperienza veramente formativa, per la quale ringrazio i nostri docenti che ci hanno dato la possibilità di viverla.

Il prossimo anno saremo ai Young Lions? Ce la faremo? Di certo c’è solo l’obiettivo di esserci e concorrere all’edizione 2010. D’altro canto chi smette di sognare lentamente muore. Vedremo, per ora voglio ancora gustarmi l’atmosfera del festival, inebriante, come il profumo di burro che rimane sulle dita dopo aver mangiato un croissant in una delle patisserie della costa azzurra.

A&A

Kofi Annan. It’s time for climate justice.

giugno 26, 2009

20090606_aerial_photo_271

Il 7 Dicembre, a Copenhagen, si terrà una conferenza delle Nazioni Unite sul tema del cambiamento climatico. L’obiettivo dichiarato è quello di strappare ai capi dei governi mondiali la promessa di una drastica riduzione delle emissioni di CO2.

Per sensibilizzare la popolazione e prepararla a questo evento è stato creato il movimento TCK TCK TCK. In nome vuole riprodurre il suono di un orologio. Di  contdown che avrà fine a Dicembre.

Kofi Annan, oggi, si è rivolto al “popolo della comunicazione”. E ha lanciato un appello. Aiutare il marchio a diffondersi, usando creatività, coraggio e volontà. In fin dei conti si tratta del futuro di tutti. Non solo di quello degli altri.

Il momento di cambiare è arrivato. Non domani, adesso. Il mondo ha bisogno del nostro aiuto.

A&A

David Plouffe. The art of the possible.

giugno 25, 2009

081

Ci sono delle date destinate ad entrare nella storia. Il 21 Gennaio 2009 è senza dubbio una di queste. Per la prima volta nella Storia gli USA hanno un Presidente afroamericano. Obama.

Ci sono grandi uomini. Destinati ad entrare nella Storia. Obama è uno di questi.

Ma dietro ai grandi uomini di potere, ai grandi statisti, si celano a volte delle figure indispensabili. Figure che rimangono all’ombra del mito ma del quale sono in parte creatori. David Plouffe è uno di questi.

Il responsabile della campagna elettorale di Obama ha parlato oggi per 45 minuti, invitato dalla DDB al Festival di Cannes.

Illuminante, direi. Obama ha cambiato la Storia, ma anche il modo di fare comunicazione politica. Mai prima d’ora una campagna elettorale è stata gestita in questo modo. Grassroots, comunicazione spontanea dal basso. Word of Mouth, Buzz. Termini che sono entrati di peso in un ambiente che ha come tradizione la comiunicazione “top down”.

L’obiettivo era quello di  creare una connessione tra Obama e milioni di americani. Il creare connessioni tra la conversazione e l’uso della tecnologia.

Ci sono riusciti. La possibilità di rendersi partecipi del cambiamento in prima persona, del farsi portavoce di Obama all’interno delle proprie comunità di appartenenza è stata una delle chiavi del successo di Obama. Di quel cambiamento che lui chiedeva di fare agli americani. L’energia con cui questo si è materializzato nelle case americane è sorprendente. Sopratutto se si pensa che  ha investito le fasce più giovani della popolazione. Il vero “target” della campagna. In fin dei conti i neo maggiorenni di oggi saranno gli adulti di domani. Il cambiamento lo si vedrà concretizzato nel futuro. HOPE.

Un dato su tutti. Obama e Mc Cain sono arrivati al traguardo senza enormi differenze di voto. Ma se si pensa che il 71% dei neo aventi diritto di voto ha votato per Obama si capisce quale sia la vera identità del cambiamento.

A breve pubblicheremo il video integrale con l’intervento di David Plouffe.

Domani, invece, sarà il turno di Kofi Annan e di Spike Lee.

Stay Tuned.

A&A

Nuovo sito Cpo online

giugno 24, 2009

Da oggi e’ online il nuovo sito Cpo, per inaugurare il passaggio alla magistrale. Visitatelo e diteci cosa ne pensate :).
http://www.uniurb.it/cpo/

Immagine 22

Radio, Media e Outdoor Awards

giugno 24, 2009

Immag1883

Immag1827

Immag1826

Ieri sera sono stati premiati i migliori lavori nelle categorie:

-Radio

-Media

-Outodoor

Radio: BBDO Johannesburg, Virgin Atlantic Airlines. Titolo “DANCER”

Media: Azione studpenda della JWT Japan Tokio per Kit-Kat (andate su creative-cases, cercate Kit-Kat). Evento storico, in quanto la campagna di Kit-Kat in realtà è un’azione di co-branding con la posta giapponese. In mancanza di fondi quest’ultima sarebbe stata privatizzata.Con l’intervento di Kit-Kat si sono, ivece, riusciti a ottenere i fondi necessari per il continuo dell’attività, senza ricorrere alla privatizzazione.

Outdoor: Vince una campagna sociale per la sensibilizzazione nei confronti della situazione politica in Zimbawe. Sotto un regime dittatoriale che sta soffocando il paese, la moneta locale è a tutti gli effetti talmente tanto inflazionata da non valere praticamente più nulla. TBWA/HUNT/LASCARIS Johannesburg crea, così una campagna stampa fatta utilizzando la cartamoneta dello Zimbawe.

Menzione speciale all’Italia che si aggiudica il primo Gold Award dell’edizione 2009 nella categoria “Use Of Mixed Media”. L’agenzia è Armando Testa di Torino e il lavoro è “From Giovanni to Dongiovanni” per Baci Perugina.

Stay Tuned

A&A

Seminario Coca-Cola

giugno 23, 2009

Immag1744

Creatività, narrazione, prodotto. Queste le parole chiave per costruire la Brand Image secondo Jonathan Mildenhall, vice presidente Global Marketing Strategy & Creative Communication di Coca-Cola.

Si tratta di riuscire a far si che il prodotto riesca ad evocare nel pubblico delle emozioni, non tanto di trasmetterle da sè. Non è un processo facile, nè, tantomeno si può pensare di riuscirci in poco tempo. Servono voglia di sperimentare, di portare con sè una rilevanza di tipo culturale che il pubblico possa anche trovare nel prodotto. Ad esempio, con il brand Fanta, sono stati ristrutturati dei playground (i classici campetti da basket americani) che erano fatiscenti. Una volta portati a termine i lavori i campi si presentavano con il classico colore arancione del brand Fanta. Una mera operazione di marketing? No, qui si entra nel campo dei valori, senza Fanta i ragazzi non avrebbero avuto dei playground nuovi di zecca, un modo nuovo per entrare in contatto con il proprio pubblico di riferimento.

Advertisng Coca-Cola. Tutti avranno in mente la campagna “Happyness Factory”. In questo caso mr.Mildenhall ha spiegato una regola fondamentale. Sono le emozioni che trainano la razionalità. Un prodotto inserito in una narrazione, anche se magnifica, può trovarsi nella situazione di non essere credibile. E questo non va bene.

Le storie vanno raccontate, ma con giudizio. Vi lascio con una sua frase, una domanda che ogni creativo dovrebbe porsi all’inizio di un lavoro di narrazione:

“Can this Story can be told without mentioning of product? If so…don’t do it”

Stay tuned

A&A

Promo, Pr e Direct awards 2009

giugno 22, 2009

217

222

227

Siamo appena tornati dal Palais dove, questa sera, si è tenuta la cerimonia di premiazione per le categorie:

-Promo ( sales promotion product/service)

-Pr (creativity and reputation managment). Categoria appena entrata a far parte degli awards

-Direct (direct marketing)

Cerimonia stupenda. Palais gremito di persone. Professionisti del settore, studenti e giovani creativi provenienti da tutto il mondo (per la cronaca foltissime le delegazioni giapponesi e cinesi ).

A far manbassa di premi è la Cumminsnitro, Australia, che si è aggiudicata il Grand Prix sia nella categoria Direct che in quella Pr. Il progetto vincitore è sempre lo stesso. The Best Job In The World. Ne avrete sentito parlare alcuni mesi fa.

Nella categoria Promo vince, invece, la Leo Burnett di Lisbona con il progetto di fund raising per Red Cross, intitolato Selling Hope (il titolo è STORE+).

Altri lavori degni di nota sono quelli di Droga5 per la campagna di Obama “The great shlep” (sul sito Droga5 lo trovate su work) e il TED696 project.

Stay tuned.

A&A

Cannes, un sogno che si realizza.

giugno 22, 2009

Salve a tutti. Siamo Alessandro e Antonio. Come vi è già stato anticipato dalla prof.Bartoletti siamo a Cannes al Lions International Advertising Festival. Staremo qui per 8 giorni, cioè tutta la durata del Festival. Seminari, Workshop, Master Class e Award saranno il nostro pane quotidiano. Anzi, già lo sono.

Giorno per giorno cercheremo di tenervi aggiornati su quanto succede qui, cercando il più possibile di farvi partecipi della nostra esperienza.

Al Festival partecipano i maggiori esperti della comunicazione mondiale, persone che stanno scrivendo ricche pagine nell’ambito dell’Adevrtising, ma non solo.

Twitter, GoViral, Schematic, Microsoft, Adobe, Buzz Agent, Clownfish, Razorfish, Ikea, BBDO, Wunderman, JWT, Leo Burnett, DDB, Saatchi&Saatchi, Y&R, Google, Apple e tantissimi altri. Non male come programma!

Inoltre saranno presenti: Kofi Annan, David Plouffe (campaign manager for Barack Obama), Spike Lee e Biz Stone (co-fondatore di Twitter).

Insomma, seguiteci e saprete tutto quello che sta accadendo all’interno del Palais du Festival.

Au Revoir
Antonio

Cinema overcomes all barriers/il video

giugno 21, 2009

li abbiamo mandati a Cannes

giugno 20, 2009

Alessandro e Antonio – studenti del primo anno Cpo – hanno vinto il concorso interno per la comunicazione della laurea triennale e della magistrale Cpo per l’anno prossimo. Presto vedrete i risultati del loro lavoro, già in fase di stampa.
Come ricompensa per il loro lavoro, sia di progetto che di realizzazione, li abbiamo mandati a Cannes. Che la piantassero di seminare cuoricini e palloncini ovunque. Così per un po’ la smetteranno di far guerriglia e ci faranno da corrispondenti dal 56esimo Festival Internazionale della Pubblicità. Da domani fino alla conclusione del Festival, il prossimo 27 giugno, scriveranno un resoconto quotidiano della loro esperienza e ci racconteranno le cose più interessanti che vedranno, sentirann, impareranno, a noi che siamo rimasti qua.

img_20090619143951


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: