LAUREATI CPO AL LAVORO: Intervista al SEO Specialist Vincenzo Ricciardi

by

Vincenzo RicciardiSEO e SEM sono sigle ormai familiari per tutti gli smanettoni del web. Ma quando si tratta di lavoro, può essere necessario affidare la Search Engine Optimization e il Search Engine Marketing a uno specialista. A tal proposito, abbiamo intervistato Vincenzo Ricciardi, laureato in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni nell’ormai lontano 2011.

– Partiamo dalla tua attività parallela al percorso di studi in CPO. Puoi parlarci della tua esperienza come redattore per il Blog di Telecom Italia?

«Per 10 mesi ho fatto parte della redazione del progetto Avoicomunicare di Telecom Italia. Insieme ad altri colleghi dell’università abbiamo avuto la possibilità di collaborare con un’importante agenzia di Milano e con Telecom Italia con l’obiettivo di scrivere dei post sulla sostenibilità ambientale e mantenere attiva la community. L’esperienza è arrivata tramite l’università che mi ha messo in contatto con loro e mi ha permesso di addentrarmi nel mondo del web che poi sarebbe diventato la base delle mie esperienze lavorative successive».

– Quali sono stati i tuoi primi passi dopo esserti laureato?

«Pochi mesi dopo essermi laureato ho cominciato la mia esperienza in una web agency di Fano specializzata nel turismo. Tutto è cominciato nel più classico dei modi: ho letto in un annuncio che stavano cercando una persona che avesse delle buone conoscenze in comunicazione e una propensione al mondo digital e mi sono proposto».

– Una delle tendenze attuali per le piccole e medie imprese è quello di preferire Facebook a siti internet propri per veicolare i contenuti. Si tratta di una scelta vincente?

«Non sempre è un male decidere di gestire una pagina Facebook piuttosto che un sito internet. Il mio consiglio è di definire bene gli obiettivi da raggiungere prima di intraprendere un’attività di web marketing, la scelta degli strumenti da utilizzare verrà di conseguenza.

Ad esempio una piccola azienda di idraulica, un carrozziere o un impresa di giardinaggio avrebbe sicuramente più riscontro (in termini di contatti e chiamate) utilizzando strumenti di google per la promozione locale piuttosto che creando un sito web.

Per quanto riguarda la gestione dei social il discorso è semplice: per avere successo bisogna avere qualcosa da dire ed essere costanti nel tempo».

– Le tue esperienze nella progettazione di alcuni piccoli siti ti sono servite a livello operativo nel tuo lavoro da SEO specialist oppure sono servite esclusivamente a creare un buon portfolio?

«Questo tipo di esperienze mi hanno aiutato su entrambi i fronti. Avere un portfolio mi ha permesso durante i colloqui di lavoro di far capire immediatamente cosa sapessi fare realmente e mi ha aiutato a comprendere meglio i meccanismi della SEO. Il mio consiglio, per chi vuole intraprendere questa strada, è di “sporcarsi le mani”, testando nuove tecniche di posizionamento e creare un proprio sito web personale, come ho fatto io con il mio sito personale (www.ricciardivince.it

– Quali sono gli errori più comuni che un principiante commette nell’ambito del SEO e che consiglieresti di evitare agli studenti CPO?

«A mio avviso un errore da evitare è quello di non tenere traccia delle attività svolte e dei risultati raggiunti. In questo modo non sapremmo mai se le nostre attività SEO avranno prodotto dei risultati o meno.
Altro consiglio che mi sento di dare è di studiare molto e tenersi aggiornati costantemente, oggi fortunatamente esistono molte community online, seminari e libri da cui attingere».

– La tua carriera lavorativa da Sestante a Koobi. Hai ottenuto subito una buona offerta lavorativa o le tue mansioni e il tuo contratto sono cresciuti nel corso degli anni?

«All’inizio ho dovuto studiare e imparare molto, visto che le mie conoscenza erano limitate al mondo della comunicazione e avevo qualche esperienza da webmaster autodidatta. Con il tempo sono riuscito ad affermarmi, prendermi alcune soddisfazioni personali e sono riuscito a raggiungere dei buoni risultati».

– Le tue attività lavorative si sono svolte per lo più nel territorio marchigiano. Il tuo futuro lo vedi ancora in questa regione?

«Si , le Marche sono una regione ospitale con un buon tessuto produttivo che possono offrire buone possibilità di lavoro in diversi campi».

Annunci

Tag: , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: