Archive for luglio 2016

CPO in Erasmus a Madrid: l’esperienza di due studenti

luglio 28, 2016

madridcpoDa colleghi di Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni a colleghi in Erasmus a Madrid alla Universidad Europea de Madrid. Fausto Scaglioni e Elena Battistini, studenti del secondo anno di corso, ci raccontano in questa “intervista doppia” la loro recente esperienza Erasmus nella capitale spagnola.

Perché scegliere di partire in Erasmus? E perché Madrid?

«La motivazione principale che mi ha spinto a partecipare al bando Erasmus è stata la mia inquieta voglia di sperimentare una esperienza nuova, forte e autonoma che mi avrebbe regalato il privilegio d’immergermi in un processo di formazione, sia accademica che extra-accademica. Ho scelto Madrid tra il ventaglio di mete disponibili (Madrid, Bruxelles, Albacete, Tarragona) per la fama di cui gode la città, la possibilità di frequentare gli insegnamenti presso la rinomata Università Europea e l’opportunità e di apprendere una lingua, quella spagnola, che mi ha sempre affascinato»  ci spiega Fausto.

«Quando ho raccontato ai miei amici di aver vinto questa occasione, in molti mi hanno detto che stavo facendo una scelta coraggiosa» – ci racconta invece Elena – «La scelta di partire proprio l’ultimo anno della specialistica è giustificata dal fatto che durante la triennale non ho avuto modo di fare questa esperienza: la voglia di fare l’Erasmus l’ho sempre avuta fin dal primo giorno in cui sono entrata in un’aula universitaria e non avrei perso per nulla al mondo questa opportunità. E poi a Madrid non potevo dire di no».

faustoscaglioniUna volta giunti all’università però avete scelto percorsi diversi.

«Io sono partito da qui con tanta voglia di imparare e ho approfittato della vasta disponibilità di strumenti e attrezzature per apprendere le teorie e le tecniche audiovisuali di comunicazione negli ambiti professionali di riferimento – ci confida Fausto. «Nella fattispecie, ho frequentato diversi insegnamenti in lingua spagnola:  Tecniche Audiovisuali, Direzione Cinematografica, Suono, e Disegno Del Suono e Ambientazione Musicale».

Diametralmente opposto l’approccio di Elena: «Mi sono lasciata consigliare dal mio coordinatore didattico spagnolo, il quale ha scelto per me materie utili per il mio piano di studi e semplici per chi non conosce bene la lingua. Durante i sei mesi ho seguito due corsi in inglese, Marketing di prodotto e di marca e Opinione Pubblica e altri due corsi in spagnolo: laboratorio creativo e strumenti creativi».

Ma l’Erasmus non è solo studio. Come avete vissuto questi sei mesi?

elenabattistini«La Spagna è un paese che amo da sempre e non ho fatto fatica a sentirmi presto a casa. Il modo in cui erano strutturate le lezioni mi hanno permesso di conoscere tanti colleghi che mi hanno guidato negli angoli più nascosti di Madrid. La comunicazione si può apprendere dai libri, ma la cultura spagnola la si può conoscere solo andando in giro per le strade delle città» – ci racconta Elena senza risparmiare il proprio entusiasmo. Mentre Fausto risponde così: «Se dovessi riassumere la mia esperienza in due righe, direi che il mio erasmus si è strutturato nella consapevolezza di sentirmi piccolo in una grande città ma con l’appetito di conoscere sempre qualcosa di nuovo: le persone, le loro abitudini, le discoteche, le tavole imbandite di cibi tipici dal mondo…».

Perché secondo voi quindi l’Erasmus è una esperienza unica?

«Secondo me – esordisce Fausto – l’Erasmus è una esperienza che non porti con te. È una esperienza che porti dentro di te. L’erasmus è come un albero che cresce, le cui radici sono gli ambienti relazionali che crei con le persone che incontri a volte con impegno, a volte con un po’ di fantasia, a volte per caso. E io credo di essere un po’ cambiato rispetto a come sono partito, incorporando dentro di me tanti pezzetti di esperienze molto diverse».

Anche Elena considera l’erasmus un importante momento di crescita personale:  «Per me l’erasmus è una delle poche esperienze che ti permettono davvero di cambiare prospettiva, diventare indipendenti e affrontare i problemi quotidiani in  maniera differente e da persona più matura. Questo non avviene solo tramite la scoperta di un differente sistema universitario, di un diverso stile di vita, ma anche di un diverso paese e di una diversa cultura. L’erasmus è stato per me un arricchimento, una sfida e un’avventura che sempre porterò nel mio cuore».

Annunci

CPO, le occasioni della Colonia: la campagna online per Fano Jazz By The Sea 2015

luglio 21, 2016

fanojazz2015Raccontare uno dei festival jazz più importanti in Italia utilizzando la forza delle immagini oltre quella della musica. È stata questa la sfida che ha permesso a Stefano Usai, Lucio Ricci, Cristina Zecchi e Elisa Peruzzi di vincere il contest della Colonia della Comunicazione  e occuparsi di accrescere la notorietà del Fano Jazz By The Sea nel 2015. Ed è proprio Elisa a raccontarci la sua esperienza.– Che tipo di campagna era stata richiesta da brief?

«Il brief richiedeva la realizzazione di una campagna di comunicazione integrata volta a comunicare l’evento Fano Jazz By The Sea 2015. Dovevamo far conoscere il brand e soprattutto gli eventi, cercando di incrementare il numero di spettatori ai concerti».

-Quali erano i punti forti della vostra proposta che vi ha permesso di guadagnare l’attenzione del cliente?

«Penso che i punti di forza del nostro lavoro siano stati la concretezza delle proposte, la realizzabilità in termini di tempi e budget e una certa solidità nella pianificazione di sponsorizzazioni e investimenti. Le idee prodotte devono sempre essere strutturate sulla base del cliente che abbiamo davanti e degli obiettivi e budget che questo ci presenta. In più, abbiamo cercato di far conoscere la città di Fano basandoci su un’audience già attiva come quella degli instawalker».

– Dall’idea si è passati all’azione. Quali sono state le difficoltà passando dall’ideazione alla pratica?

«Dopo aver vinto il contest ci sono state varie riunioni in sede con i responsabili dell’associazione. Instaurare una buona relazione con il cliente e soddisfare le sue richieste ridimensionando alcuni punti e l’allineamento con le loro esigenze sono stati i nostri primi obiettivi. Una delle preoccupazioni maggiori è stata quella di rispettare le fatidiche deadline. Tutto quello che viene progettato ha dei tempi di realizzazione ai quali si devono aggiungere i tempi di approvazione da parte del cliente e di eventuali rilavorazioni e adattamenti dell’idea. A volte ci si trova quindi a correre, ma l’adrenalina rende più interessante ed emozionante il lavoro!»

– Cosa ti porti dietro da questa attività?

«Abbiamo acquisito sicuramente più competenze nel campo generale della pianificazione, della realizzazione e del monitoraggio delle azioni e campagne realizzate. Partecipando a questi contest si inizia ad imparare dal primo momento: si tocca con mano cosa significa ricevere un brief, interpretarlo, far valere le proprie idee all’interno del gruppo di lavoro e  accettare anche le critiche per costruire insieme un lavoro migliore. Si impara a capire cosa si può proporre e cosa no, e anche a presentare e difendere il proprio lavoro di fronte a coloro che questo lavoro dovranno acquistarlo. Nonostante questo, alcune delle abilità più importanti non sono strettamente tecniche: gestione dello stress, relazione con il cliente e collaborazione con chi poi il festival lo creava da zero. Sono state settimane intense ma estremamente emozionanti».

– Consideri quindi l’esperienza positiva? 
«Senza dubbio! L’esperienza è stata estremamente positiva. Siamo all’università per imparare e CPO e le collaborazioni con la Colonia ti permettono di farlo sul campo! Noi abbiamo passato pomeriggi, sere e weekend a lavorare al progetto, abbiamo assistito al festival e lo abbiamo raccontato alle persone, abbiamo visto il teatro interno alzarsi in piedi e ballare per performer davvero bravissimi. Ogni progetto sarà diverso ma il mio consiglio è: siete qui per imparare, cogliete le opportunità che ve lo permettono!»

CPO: si aprono le iscrizioni all’anno accademico 2016/17

luglio 18, 2016

signature-962359_960_720Da oggi 18 Luglio 2016 è possibile immatricolarsi e iscriversi al corso in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni, che a partire da quest’anno sarà attivato nella sede di Urbino. Riepiloghiamo per tutti gli studenti interessati le procedure da seguire per controllare il raggiungimento dei requisiti curriculari, registrarsi nel portale esse3, procedere con l’iscrizione e registrarsi all’Open Day del 21 Settembre.

1)VERIFICA DEI REQUISITI D’ACCESSO
 L’accesso al corso è diretto per i laureati nei corsi L-14 e L-20 di Scienze della Comunicazione, inclusi i laureati di vecchio ordinamento e all’estero. Per i laureati in altri corsi è necessario dimostrare la propria ammissibilità: occorre compilare e inviare all’indirizzo roberta.bartoletti@uniurb.it la tabella dei requisiti curriculari (disponibile a questo link). Non sono previsti ulteriori test di verifica delle competenze.

2)IMMATRICOLAZIONE E ISCRIZIONE 
Ottenuta la verifica dei requisiti curriculari (con l’indicazione di eventuali crediti da recuperare) si può procedere con l’iscrizione online. Occorre registrarsi al portale esse3 (la pagina è raggiungibile cliccando su questo link) compilare e scaricare il modulo di iscrizione.

Il documento deve essere consegnato alla Segreteria Studenti  di Pesaro (spedito per posta raccomandata o brevi manu). Al modulo d’iscrizione è necessario allegare:

– due fotografie in formato tessera firmate sul retro;
– ricevuta del pagamento della prima rata della contribuzione studentesca;
– autocertificazione del diploma di laurea con l’elenco degli esami sostenuti;
– nel caso di invio per posta, fotocopia autografata di un documento di riconoscimento.

3)DATE UTILI

Il termine ultimo per immatricolarsi e iscriversi al corso è il 9 Novembre 2016.

Gli studenti non ancora laureati devono presentare una pre-iscrizione, ottenibile seguendo le stesse modalità di iscrizione riportate sopra. Il termine ultimo previsto per conseguire la laurea triennale è il 28 Febbraio 2017.

Le lezioni del primo anno del corso CPO avranno inizio il 10 Ottobre 2016: il calendario completo sarà pubblicato entro il 10 Settembre.

Il 21 Settembre è previsto un incontro di Open Day nella sede di Urbino in via Saffi 15. È possibile indicare la propria presenza registrandosi nel form di partecipazione.

Open Day CPO: il 21 Settembre a Urbino l’Università incontra gli studenti

luglio 12, 2016

logo_cpoMercoledì 21 settembre 2016 dalle ore 11 alle 12,30 nell’aula B1 del Polo Didattico Volponi in via Saffi 15 ad Urbino è previsto un incontro di orientamento e informazione rivolto ai futuri iscritti della laurea magistrale in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni. Per iscriversi è sufficiente registrarsi indicando nome, cognome e indirizzo e-mail in questo form.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il tutor degli studenti all’indirizzoantonio.percolla@uniurb.it.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: