Archivio dell'autore

ISEP: Un’esperienza di vita e di Studio

marzo 20, 2017

diego_prioretti_CPOMi chiamo Diego Prioretti e sono uno studente iscritto al secondo anno di CPO. Grazie al programma ISEP Exchange, ho avuto l’opportunità di studiare per un semestre negli Stati Uniti.

Tutto è nato dalla voglia che avevo di fare un’esperienza all’estero. Questo perché sentivo che completare gli studi senza aver colto questo tipo di opportunità sarebbe stato un rimpianto che mi sarei portato dietro per tutta la vita.

Quindi mi sono messo a spulciare tra i vari bandi sul sito universitario. Ero alla ricerca di una nazione in cui si parlasse inglese così da poter migliorare la conoscenza di una lingua che oggi è requisito fondamentale quando si cerca un’occupazione. Purtroppo (o per fortuna), durante l’ A.A. 2015/2016 non c’erano mete Erasmus in cui la lingua richiesta fosse l’inglese per la mia facoltà.

Cercando più approfonditamente ho trovato il bando ISEP: questo prevedeva 3 borse di studio totali, che consentivano di frequentare un semestre negli Stati Uniti, senza sostenere alcuna spesa universitaria al di fuori della retta dovuta all’Università di Urbino. Non ci ho pensato su troppo, anche perché c’erano solamente 3 posti per tutti gli studenti dell’università, e ho presentato la domanda. In questa ho dovuto scegliere 10 tra il centinaio di università disponibili e metterle in ordine di preferenza. Onestamente non ne conoscevo molte, quindi le scelte sono state dettate maggiormente dai corsi che venivano offerti lì.

Ad inizio 2016 ho saputo di essere selezionato per partire durante il primo semestre dell’ A.A. 2016/2017 e dopo un paio di mesi, verso Marzo, sono venuto a conoscenza della meta: l’Università del Tennessee a Knoxville, che conta circa 28.000 studenti iscritti, in una città di circa 160.000 abitanti nel sud degli Stati Uniti.

Sono arrivato lì il 9 di Agosto, dopo un estenuante viaggio durato circa 13 ore. Tutti si sono rivelati sin da subito accoglienti e ben organizzati, infatti durante la prima settimana ci sono state tantissime attività di orientamento al modello universitario e alla città stessa, nonché ad alcune delle norme più importanti del campus e degli stessi Stati Uniti.

Ho vissuto in un dormitorio dove c’erano sia studenti americani che internazionali e questo ha contribuito a rendere l’esperienza ancor più interessante. Devo dire infatti, che prima di partire ero spaventato all’idea di dovermi adattare ad una cultura completamente nuova, in particolar modo perché era la prima volta che andavo all’estero per così tanto tempo.

In realtà, a partire dal mio compagno di stanza australiano, ma anche con tutti gli altri ragazzi del 5° piano, abbiamo creato un gruppo forte e coeso che ha contribuito a creare un bell’ambiente.

Presso l’università ospitante, noi studenti ISEP Exchange eravamo iscritti come normali studenti, e pertanto ho dovuto frequentare le lezioni di 4 corsi, il numero minimo (che totalmente corrispondono a 24 dei nostri CFU) e sostenere altrettanti esami finali. Tra le materie più interessanti che ho frequentato c’erano senza dubbio Creative Advertising Strategy e Communication in an Information Age.

Le lezioni sono iniziate il 17 Agosto, e l’impatto è stato veramente duro in quanto la didattica funziona in maniera completamente differente dalla nostra. La prima cosa che salta all’occhio è un approccio molto più pratico, fatto di meno teoria e più esercitazioni e lavori. Ogni giorno ci sono “compiti per casa” che vanno svolti per la lezione successiva, pena la perdita di punti che poi determineranno la valutazione finale. Altra differenza sostanziale è quella relativa alle strutture. Mi riferisco alle immense biblioteche, ai punti di supporto allo studio dove ogni giorno si possono prenotare online sessioni di tutoring con personale qualificato. Le biblioteche, aperte 24h, sono dotate di una grande quantità di computer e Mac e punti di riparazione pc nel caso in cui qualcuno avesse problemi con i propri dispositivi, il tutto in forma gratuita.

L’università, che in realtà era una piccola città all’interno della città di Knoxville, dispone anche di innumerevoli campi da calcio, uno stadio da football, che per capienza è il settimo più grande al mondo, due piscine e moltissime palestre che consentono di avere sempre qualcosa da fare durante il tempo libero. Strumenti e luoghi che mi hanno impressionato, soprattutto se comparati con il modello universitario italiano. A questo proposito, ho potuto constatare come negli USA ci siano maggiori investimenti nell’educazione (e la mia università era pubblica), ma il livello di insegnamento teorico italiano è sicuramente migliore.

Devo dire che questa esperienza mi ha segnato in maniera positiva, un’esperienza che rifarei ancora perché non solo ti migliora a livello professionale e di competenze, ma anche come persona e in termini di indipendenza.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: