La tesi di laurea

Modalità di preparazione, discussione e valutazione della prova finale

La prova finale della Laurea magistrale Cpo, corrispondente a 20 CFU, deve presentare un livello di complessità, approfondimento e originalità nettamente superiore a quanto richiesto per la prova finale della laurea triennale.  La prova finale può consistere, alternativamente, in:

A. Elaborato di analisi e approfondimento di una tematica concordata con uno dei docenti del corso di laurea del corso di laurea magistrale. L’elaborato, di natura teorica, metodologica o applicativa, deve essere pertinente con il percorso di studi magistrale e prevede una rassegna della letteratura, un inquadramento del problema e una trattazione esauriente che introduca elementi di originalità nel campo specifico di studi, una bibliografia essenziale ragionata con riferimenti alla letteratura innovativa e di respiro non solo nazionale.

B. Realizzazione di un elaborato di progetto in campi pertinenti al percorso della laurea magistrale concordato con uno dei docenti del corso di laurea del corso di laurea magistrale (ad es. progetto di campagna pubblicitaria, di comunicazione non convenzionale, di comunicazione pubblica o sociale, di un sito web, immagine coordinata, prodotto multimediale, ecc.), con un inquadramento teorico e metodologico del progetto che ne argomenti le scelte e le caratteristiche e con rimandi alla letteratura delle principali discipline di riferimento (sociologia della comunicazione, semiotica, marketing, linguistica, ecc.) a supporto del progetto e includa una valutazione critica del progetto in termini di effetti (ricadute sui processi di comunicazione, ricadute sui processi sociali, ricadute economiche ecc.).

Il laureando deve citare correttamente e in modo omogeneo le fonti consultate per la stesura dell’elaborato finale, riportando Autore e anno di edizione del testo citato e indicando anche i numeri di pagina quando si tratta di citazioni letterali; il riferimento bibliografico della fonte deve essere riportato integralmente nella bibliografia e sitografia finale.
Non sono previsti limiti o indicazioni relative alla lunghezza o al formato dell’elaborato di tesi, per i quali si rimanda al giudizio del relatore, che valuterà la corrispondenza tra il lavoro svolto dallo studente e i 20 cfu attribuiti alla prova finale.
La Tesi di laurea viene discussa dal candidato di fronte a una Commissione composta da un minimo di 7 docenti della Scuola che include il relatore. Lo svolgimento della prova è pubblico come la proclamazione del risultato finale.
Gli studenti possono condurre in tutto o in parte le attività di ricerca connesse alla predisposizione dell’elaborato finale avvalendosi del soggiorno Erasmus – previa autorizzazione da parte del Relatore.
Il punteggio finale di laurea viene calcolato a partire dalla media ponderata dei voti degli esami di profitto. Alla prova finale viene attribuito un punteggio fino a un massimo di 6 punti, su proposta del relatore e a seguito della discussione dei membri della commissione, che valutano sia la qualità dell’elaborato che le capacità di esposizione e di argomentazione del/la candidato/a. Un punteggio di 1-2 punti è riconosciuto a tesi sufficienti, di 3-4 punti a tesi discrete e buone, di 5-6 punti a tesi ottime.
Un ulteriore punto viene asseganto a tesi che siano state svolte all’estero durante il soggiorno Erasmus e/o agli studenti che abbiano conseguito 30 o 60 CFU rispettivamente per un soggiorno all’estero semestrale o annuale (entro il limite massimo dei 6 punti assegnabili alla prova finale).
La lode viene conferita a prove finali eccellenti, a laureandi/e che partano da una media dei voti degli esami di profitto di almeno 105 punti, e viene concessa solo in caso di parere unanime dei commissari.

Le procedure relative alla tesi di laurea dalla primavera 2018 sono informatizzate (consegna e firma foglio tesi, firma del frontespizio).

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: