Posts Tagged ‘creatività’

consigli per (non solo) giovani creativi

novembre 23, 2008

Le parole di Pasquale Barbella ci sono piaciute molto. Moltissimo ci sono piaciute le sue idee, già riccamente richiamate qui e qui.
Aggiungo solo qualche consiglio, di lettura e di visione, per giovani e meno giovani che vorrebbero coltivare la creatività che è in loro, che Barbella ci ha consegnato e che ricordo per chi ha orecchie per intendere:
– se creatività significa “risoluzione di problemi in modo originale e imprevisto” leggetevi il pensiero laterale di De Bono, e ricordate che la creatività va allenata;
– se volete vedere buoni esempi di combinazione di creatività e di cultura comunicativa, sia grafica che linguistica, fate attenzioni ad esperimenti come quelli della rivista Swindle, dell’artista Shepard Fairey in arte Obey.
– se vi piacciono le storie di King, leggetevi Delitto e castigo (eccetera, via per analogie).

swindle_magazine_cover_smallswindle_magazine_cover_small-1

cambia la comunicazione: il concorso di creatività diffusa

luglio 16, 2008

Oggi 16 luglio si aprono le iscrizioni al corso di laurea specialistica Cpo, e con l’occasione lanciamo il concorso di creatività diffusa “Cambia la comunicazione“, aperto a tutti gli studenti universitari, gli immatricolandi a un corso di studio universitario e i neo-diplomati delle scuole secondarie interessati alle scienze della comunicazione.

Il concorso è il progetto del gruppo di studenti del terzo anno della laurea in Comunicazione Pubblicitaria che è stato selezionato per la promozione di Cpo per il 2008-2009 (Belli e Fiori, Brilli e Papi, coordinati e seguiti dal docente Marco Livi nell’ambito delle attività della COLONIA), il cui concept recitava così:

In un mondo fatto di comunicazione, dove la comunicazione è in continuo movimento, se sai fare comunicazione puoi cambiare le cose. In questa facoltà, ti insegnano a farlo.

La “facoltà” è quella di Sociologia dell’Università di Urbino, la nostra.
Ci è piaciuto il concept, ci è piaciuta l’idea di coinvolgere il mondo dei giovani interessati allo studio della comunicazione (non solo i nostri studenti), ci è piaciuta l’idea della creatività diffusa e soprattutto l’idea che – se comunicando si costruisce il mondo – cambiare la comunicazione non è solo un gioco di parole…

In cosa consiste il concorso: cosa chiediamo di fare, come quando e per cosa.
1. Cosa: cambia la comunicazione, ovvero i partecipanti al concorso dovranno trovare nuovi significati alle cose e ai segni che costituiscono lo sfondo della nostra vita quotidiana, ossia dare un nuovo significato (e quindi senso) a tutto ciò che è comunicativo: può trattarsi delle forme istituzionali della comunicazione (pubblicità), i segnali, dalle insegne ai nomi delle strade, ma anche di oggetti e situazioni del quotidiano. Il video in versione beta“Cambia la comunicazione” realizzato dagli studenti vuole essere solo un esempio, sia di creatività (l’idea) sia di forma di presentazione del progetto al concorso (un video su youtube).
2. Cosa presentare: il progetto di creatività che verrà valutato dalla giuria del concorso dovrà consistere in un concept di creatività, illustrato in forma grafica o video (ad es. se si traduce in un’immagine, è gradito un bozzetto, se si traduce in un filmato, è gradito almeno uno storyboard). Si richiede un piccolo book di presentazione del progetto su carta e in formato digitale. Nel caso sia stata fatta azione di comunicazione non convenzionale (guerriglia, ambient ecc.) si prega di mandare insieme al contest una documentazione dell’azione di intervento con foto o video. Se le immagini o i video vengono pubblicati su piattaforme di social network (youtube, flickr, Facebook, myspace ecc.) va inserito il tag “cambialacomunicazione”, indicandone l’url nel progetto presentato ai fini del concorso.
3. Tempi: i progetti possono essere inviati a partire da oggi 16 luglio fino alla data di chiusura della selezione e delle iscrizioni a Cpo per il 2008-2009 (ossia il 6 novembre); una prima selezione verrà effettuata sui progetti inviati entro il 22 settembre.
4. Per cosa (ossia si vince qualcosa?): sì, si vince qualcosa in ben tre sensi:
a) le 5 proposte di creatività che verranno giudicate migliori dalla giuria (composta da docenti universitari e da creativi di professione nei diversi campi della comunicazione e della pubblicità) verranno utilizzate per la promozione del corso di laurea per il 2008-2009 (sticker, cartoline, manifesti, sito, blog ecc.). Tra le proposte che arriveranno entro il 22 settembre (data di chiusura delle preiscrizioni alla prova di ammissione) verrà scelta l’immagine per lo shopper 2008-2009 di Cpo.
b) i progettisti delle proposte scelte riceveranno in premio il “kit del creativo”, comprendente una serie di strumenti utili alla creatività diffusa e al pensiero critico e creativo, e
c) potranno partecipare gratuitamente a un’iniziativa de la COLONIA della comunicazione per l’anno accademico 2008-2009, individuata dal corso di laurea (workshop o concorso).
5. Come consegnare: per posta, ai tutor del corso di laurea in Comunicazione e pubblicità per le organizzazioni, V.le Trieste 296, Pesaro, oppure per posta (fa fede il timbro postale).

Per ogni dubbio, curiosità o quesito scrivete qui sotto, nello spazio dei commenti, così le risposte sono visibili da tutti. Se siete troppo timidi potete scrivere al presidente pro tempore del corso di laurea – roberta.bartoletti@uniurb.it .

UPDATE 18 luglio
: Ecco il bando del concorso di creatività CAMBIALACOMUNICAZIONE con le informazioni ufficiali, scaricabile per comodità in pdf.
bandocambiacomunicazione

la seconda vita di Cpo

aprile 24, 2008

Evidentemente non ce ne basta una.

Non ci riferiamo alla riforma universitaria, al passaggio alle lauree magistrali, no no. La laurea specialistica Cpo intensifica la sua esperienza in Second Life, iniziata con il riuscitissimo corso sulle culture partecipative di Giovanni Boccia Artieri ad unAcademy, che è riuscito nell’impresa di far fare i compiti a casa non solo agli studenti, ma anche a colleghi docenti e a stimati professionisti nel campo della pubblicità e dei media (per gli interessati: slide delle lezioni e degli homeworks scaricabili qui.
Ora è Fabio Fornasari che nell’ambito del suo corso a Cpo di Storia del design contemporaneo “porta” gli studenti in Second Life per esplorare nuovi spazi di creatività. L’ha fatto anche martedì scorso, portando metaforicamente a Cpo la testimonianza in world di Velas, helper in Sl. Che scopro oggi avere anche una rubrica sulla rivista di Second Life Italia. Grazie Velas!

collegamento a Cpo da casa di Velascollegamento dalla Torre di Asian


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: