Posts Tagged ‘second life’

Rinascimento virtuale e taccuini di viaggio

ottobre 19, 2008

Vi segnaliamo un’esposizione che aprirà martedì 21 ottobre, al Museo di Storia naturale dell’Università di Firenze, sull’arte in Second Life, a cui teniamo moltissimo.

La mostra si chiama Rinascimento virtuale, è ideata e curata da Mario Gerosa, giornalista, saggista e docente di Multimedia e paesaggi virtuali al Politecnico di Milano. L’allestimento della mostra, che mette in relazione le collezioni entnografiche del museo storico di Firenze con un mondo altro, virtuale, è di Fabio Fornasari, nostro docente così come Maurizio Giuffredi, che ha contribuito con un saggio al catalogo della mostra.
Un percorso narrativo è dedicato alle Moleskine d’autore, taccuini di viaggio in Second Life, curato da Fabio Fornasari. Ci hanno lavorato, a riempirle di note ed immagini, anche alcuni di noi…

Giovedì 24 ottobre alle 15, infine una conferenza sull’arte in Second Life nell’ambito del Festival della creatività vede partecipare oltre a Mario Gerosa, l’esperto di net-art Domenico Quaranta, il gallerista Fabio Paris e tanti altri, anche la nostra Laura Gemini, esperta di viaggi e immaginario.

Si parla di creatività, di visioni e di immaginario: non potevamo mancare…

Vi aspettiamo: Rinascimento virtuale inaugura martedì alle ore 18, a Firenze (fino al 7 gennaio 2009).

Annunci

la seconda vita di Cpo

aprile 24, 2008

Evidentemente non ce ne basta una.

Non ci riferiamo alla riforma universitaria, al passaggio alle lauree magistrali, no no. La laurea specialistica Cpo intensifica la sua esperienza in Second Life, iniziata con il riuscitissimo corso sulle culture partecipative di Giovanni Boccia Artieri ad unAcademy, che è riuscito nell’impresa di far fare i compiti a casa non solo agli studenti, ma anche a colleghi docenti e a stimati professionisti nel campo della pubblicità e dei media (per gli interessati: slide delle lezioni e degli homeworks scaricabili qui.
Ora è Fabio Fornasari che nell’ambito del suo corso a Cpo di Storia del design contemporaneo “porta” gli studenti in Second Life per esplorare nuovi spazi di creatività. L’ha fatto anche martedì scorso, portando metaforicamente a Cpo la testimonianza in world di Velas, helper in Sl. Che scopro oggi avere anche una rubrica sulla rivista di Second Life Italia. Grazie Velas!

collegamento a Cpo da casa di Velascollegamento dalla Torre di Asian

Metabrand

aprile 1, 2008

cosa succede a un brand che vuole cogliere la sfida del metaverso? a volte poco, a volte nulla. Se invece coglie le potenzialità di un mondo online come Second Life, può capitare che nasca un Metabrand. Un esempio di brand che ha saputo compiere questa trasformazione, pensando non a consumatori generici ma ai residenti nel mondo online e ai loro avatar sembra essere quello dell’Oreal con le sue skin, come ci ricorda RG qui.

lorealskin.jpg

Pubblicità metaforica

marzo 6, 2008

In Second life è sicuramente importante la dimensione video-ludica. Ma ci sono tanti che fanno anche “sul serio”. Non che il gioco non sia una cosa seria, al contrario 😉

Fare sul serio in questo caso significa applicare la propria professionalità anche nei “mondi metaforici” quali Sl (per usare un’espressione cara a Giuseppe Granieri), ad esempio nel campo della comunicazione pubblicitaria. A questo proposito segnalo la riflessione di una professionista, Roberta Greenfield, su uno degli ancora relativamente rari casi di campagne in sintonia con il mondo Sl, una case history di marketing centrato sui residenti, realizzata da l’Oréal. Metaforicamente, una campagna dal basso (o dal di dentro?).

Si servono di Sl quelli che sanno che cosa farsene, di Sl

febbraio 27, 2008

Stasera all’Accademia non convenzionale della cultura digitale, a cui collaborano vari di noi, inizia il corso del nostro Giovanni Boccia Artieri su un tema a lui ben caro: Share this! Le culture partecipative dalla fiction a Second Life. Programma e info sul corso qui.

share.jpg

Se non avete un account per Second Life, potete sbirciare dal computer di un vicino compiacente. So per certo che oltre a colleghi e amici, sarà presente qualche studente, non solo Cpo. Dove? Nel loft (sì, siamo un po’ underground nell’anima) dietro all’unAcademy, alle ore 21.
Prossimi appuntamenti: 5 marzo, 12 marzo, 20 marzo, sempre alle ore 21. Quanto dura? un po’ più di un’ora, direi massimo due.

The day after: la prima lezione era dedicata soprattutto alle fan culture legate alla fiction, ma ha dato anche le principali prospettive teoriche da cui osservare questi fenomeni (almeno tre). Per chi ieri sera c’era, e per chi non c’era, presto saranno consultabili le slide che hanno accompagnato la lezione. Oltre (spero) alla trascrizione della chat che ha “riempito” le pause, in pieno spirito fan culture 😉
Intanto un primo resoconto (anche visivo) di una osservatrice Cpo lo trovate qui.
Aggiornamento: ecco le slide del primo incontro.

Aggiornamento bis
: ed ecco un frammento della chat, in puro spirito fan culture.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: